Fidati del tuo insegnante!

Una manciata di consigli, (OLD SCHOOL), per sopravvivere alla giungla del tatami, se sei una cintura bianca...

13 Marzo 2020
Ho iniziato a praticare Jiu Jitsu alla fine del 2008. In Italia il movimento era in via di sviluppo, niente a che vedere con quello che abbiamo oggi. Sul web, già si trovavano i primi video didattici e alcuni si cimentavano nell'arte del blog. Fra queste eccezioni quello di MILANIMAL è stato di sicuro tra i più interessanti e degno di essere "rispolverato".

Fidati del tuo insegnante!

  • Marco Sberla
  • 13 Marzo 2020

Il primo articolo risale al 2011, l'autore è il M. Andrea Baggio.
Dieci consigli da dare a una cintura bianca per iniziare con il piede giusto.

Buon allenamento!

  1. Fugas de quadril e virada de quatro sono probabilmente i movimenti più utili di tutto il repertorio del jiu-jitsu. Ripeti questi movimenti il più possibile, prima da solo e poi con un compagno d’allenamento sopra di te in montada o in cem-quilos. 
  2. Non ti preoccupare dei risultati dei primi tre mesi di allenamento. Concentrati nelle ripetizioni dei movimenti più importanti. Avrai molto tempo per preoccuparti dei risultati più avanti.
  3. Difesa, difesa, difesa! Difendersi è molto più importante che imparare cinquanta finalizzazioni diverse e difficili da usare. Studia quale dovrebbe essere la posizione corretta del corpo in tutte le situazioni di pericolo e come uscirne.
  4. Il passaggio di guardia. Sarà lo strumento che userai di più nei primi mesi di allenamento. Passa tempo per studiare la meccanica di un buon passaggio di guardia. Ripeti prima il movimento con un compagno che non offre resistenza e concentrati sui dettagli. Poi prova la stessa tecnica durante la sessione di sparring.
  5. Impara a respirare con la bocca chiusa. Una respirazione appropriata è il segnale che la tua resistenza sta migliorando.
  6. Le prese. Ad ogni posizione corrisponde una presa adeguata. Impara a prendere il kimono nei punti giusti e esercitati regolarmente per migliorare la tua presa.
  7. La postura. Impara a mantenere la schiena dritta e i piedi puntati a terra quando sei nella guardia chiusa del tuo avversario. Una buona postura è tutto quello che serve per evitare di essere raspati o finalizzati.
  8. Il marchio di fabbrica del jiu-jitsu è la guardia. Impara prima a lavorare dalla guardia chiusa con una mano sul bavero opposto dell’avversario e con l’altra che prende il kimono all’altezza del gomito. Passa solo dopo a lavorare dalla guardia aperta. Non cominciare subito con una guardia seduta, una guardia “x”, una guardia aranha o una mezza guardia offensiva!
  9. Sostituisci spesso il kimono. Se ti alleni tre, quattro volte a settimana devi possederne almeno due.
  10. Fidati del tuo insegnante. Sei stato tu a scieglierlo quindi lascia che ti guidi nella tua evoluzione. Fa jiu-jitsu da molto tempo e sa quello che fa. Segui le sue istruzioni. Sì, YouTube è uno strumento interessante, ma non è perché hai visto in video una omoplata voadora che hai la necessità di impararla da cintura bianca. In realtà molti di questi colpi possono diventare una gran perdita di tempo in questo momento. Avrai molte occasioni in futuro per studiare movimenti plastici e complicati. Per il momento tutto deve ruotare intorno alle basi. Sii paziente!

Il secondo articolo è stato scritto esattamente un anno prima rispetto a quello che avete appena letto, siete pronti?

Vestire il kimono per la prima volta, stringere la cintura bianca in vita e salire sulla materassina con una manciata abbondante di lottatori esperti e puntualmente più grossi non è facile. Ci vuole coraggio. Di norma, il fastidio per chi smette gli abiti da lavoro "milanesi" - una volta tute da metalmeccanico, oggi cardigan di cachemire e camicie di cotone da collaboratore laureato - e si avvicina a questa sorta di accappatoio di corcoro per la prima volta è visibile anche all'occhio meno esperto. Taglio pessimo. Vestibilità azzerata. Tessuto scadente e aspro sulla pelle. In pratica, il contrario del vecchio slogan pubblicitario "lana fuori, cotone sulla pelle". Qui è una sorta di carta vetrata fine fine sia fuori che dentro. Il primo enigma da risolvere, però, è quello della cintura. Una sorta di corda da tapparella da legare in vita per chiudere la giacca della nuova divisa. Nella mia vita marziale ho visto di tutto. Da una perfetta gassa d'amante, la regina dei nodi marinari, alla classica galla da pacco regalo natalizio. Niente da fare. Per un buon nodo basta armarsi di sana pazienza e in un paio di lezioni si risolve tutto. Il secondo ostacolo da superare, una volta vestiti di kimono nuovo, è l'avventurarsi in un luogo sconosciuto e inesplorato: il dojo. Oggi, un po' per moda e un po' per la naturale evoluzione dei tempi, il dojo, il luogo dove ci si esercita e si impara l'arte del combattimento, assomiglia più ad una discoteca che non al luogo sacro per i marzialisti degli anni '70. Musica. Andirivieni continuo di gente di ogni età. Costumi di tutti i tipi. Mi ricordo della mia prima volta. Alto così poco da non dover ancora pagare il biglietto della metropolitana, entrai, mano nella mano, con mia madre in quello che doveva essere l'ex cinema parrocchiale, all'epoca il Nippon, sede storica milanese per tutto quello che era judo e aikido. L'odore non era certo quello che avrei riconosciuto anni più tardi in una fragranza Diptyque per l'ambiente e le luci al neon sembrava mi avessero consumato la vista di colpo. Ogni cosa era invasa dall'umidità. Rimasi a bocca aperta. Oggi, per un bambino di 5 anni, non basterebbe nemmeno un weekend a Eurodisney. Penso a chi si avventura, in questo primo mese di pratica - settembre - sul "mio" tatami per iniziare. Non saprei cosa suggerirgli per convincerlo ad arrivare fino in fondo. L'unica cosa che mi viene da dirgli è di divertirsi.
Impara. Ma sopra ogni cosa cerca di divertirti.

Poche regole da seguire con scrupolo e intelligenza:

  1. Divertiti. Lascia il tuo ego e la tua voglia di arrivare primo sempre nel fondo del cesso del tuo ufficio. Qui non sei al lavoro e nessuno ti chiederà mai il conto. Sarai tu un giorno a tirare una riga e a chiederti dove e come ci sei arrivato.
  2. Rilassati. Fare jiu-jitsu non vuol dire armarsi per un conflitto a fuoco e nemmeno prepararsi alla trincea. Il tuo compagno d'allenamento non è il tuo nemico. E' tuo amico. Aiutalo e sicuramente ti sarà riconoscente. Sempre.
  3. Svegliati. Se sei l'ultimo della fila, nella vita come nel dojo, hai solo due scelte da fare. O te ne vai subito e non stai a perdere altro tempo. O, alla prima occasione, passi avanti. Così fino ad essere tu il primo e, per farlo, devi essere recettivo, intelligente, attento. Smart direbbero gli inglesi. Se hai voglia di riposarti, vai alle terme o iscriviti ad un corso di yoga. Non venire a fare jiu-jitsu. Se hai bisogno di dimenticarti del tuo capo, di tua moglie, del tuo direttore di banca, del mutuo o del vicino di casa petulante, allora, non c'è modo migliore che sfruttare gli ultimi tre quarti d'ora di una lezione qualsiasi di lotta e aspettare che il primo bisonte dalle sembianze umane ti venga addosso come un treno in piena corsa. Non hai tempo di pensare al superfluo. Devi batterti e cercare almeno di sopravvivere.
  4. Non perdere tempo. E non farlo perdere agli altri. Da insegnante, dico che fare lezione a trenta persone - di nazionalità diverse, ceto sociale diverso e competenze tecniche diverse - sparse su cento metri quadrati abbondanti è molto complicato. Faticosissimo. Bisogna dare a tutti la giusta attenzione. Agli studenti più avanzati e a quelli alle prime armi. A ciascuno una sfumatura diversa della stessa tecnica o sequenza. Tutti vengono per imparare. Quindi, da studente, se non hai voglia di perdere tempo e opportunità, ogni volta che un "anziano", primo fra tutti il Maestro, ti impartisce un comando, eseguilo nel più breve tempo possibile. Manifestare perplessità e discutere senza avere le competenze necessarie è il vizio della democrazia moderna. Quella che vuole gli adolescenti imparare dalle chiacchiere di Costantino Vitaliano e Fabrizio Corona e non dai veri grandi del nostro tempo. Filosofi, esploratori e scienziati.
  5. Studia. Cerca di capire cosa stai facendo. Il perchè delle cose. Solo allora potrai veramente manifestare i tuoi dubbi. Solo dopo aver perso tempo cercando potrai dire: "Ho trovato!". Prendi esempio dai più bravi. Imitali con tenacia in tutto e per tutto, cercando la tua via.
  6. Cura il tuo corpo. Fare jiu-jitsu vuol dire esprimersi secondo natura. Usando l'energia in modo intelligente. "Minima spesa, massima resa". Mangia nel modo più salutare possibile. Riposati. Esercitati con regolarità. Conduci una vita sana. Non solo migliorerà il tuo jiu-jitsu ma anche il tuo stesso modo di vivere.
  7. Confrontati sempre. Il confronto è il modo più diretto e crudele per conoscersi. Per capire a che punto si è arrivati e di che pasta si è fatti. Non si tratta di vincere o perdere. Nella vita, alla fine, conta solo non aver perso. Sali sul tatami ogni giorno chiedendo a te stesso un pò più di quello che hai avuto il giorno prima. Confrontati con i tuoi compagni d'allenamento in palestra così come con altri al campionato. Fallo in pace con te stesso. Con l'unico obiettivo di essere domani migliore di quello che sei stato oggi.

Sto riproponendo tutto quello che un tempo ha fatto appassionare a me e spero che possa aiutarvi a comprendre l'immenso lavoro di chi ci ha preceduto e a mantenere viva la vostrà "fiamma". 

Vi lascio il link del blog, ormai superato dai moderni mezzi di social media.A mio avviso, possiede ancora una magia tutta sua ed è denso di contenuti, fatevi un giro...

Clicca qui per accedere a milanimal.blogspot.com

Lascia un Commento

Altri
Approfondimenti

Testo del link
SOCIAL - ANALYTICS 27 Luglio 2020
Perché chiamare Italian Bjj per fare un video? Parliamo con i dati alla mano. Facebook è ancora uno strumento utile.

Siamo al passo con i tempi, il nostro team è ben strutturato, non facciamo solo foto e video da mettere nella pagina.
Ci occupiamo anche di studiare l'algoritmo di Instagram costantemente, questo ci permette di avere e dare la massima visibilità che il social numero uno del momento sa dare.

Apparentemente tutto ruota attorno ad Instagram. Vero, ma è proprio YouTube a rivelarci che...

APPROFONDISCI
Testo del link
BJJ 17 Giugno 2020
DOVE FINISCONO GLI ALLIEVI CHE INCOLPANO IL MAESTRO? I social, ci dicono sempre tutto?

Sotto l’occhio del mirino finiscono sempre i Maestri.
Vorrei solo per una volta e poi basta, spostare il mirino e capovolgere la situazione.

APPROFONDISCI
Testo del link
BJJ 6 Giugno 2020
Il Wrestling nel BJJ e perchè ti serve per vincere

Chiamare guardia è bello, proiettare anche di più.

APPROFONDISCI
Testo del link
BJJ 2 Giugno 2020
Stai facendo un buon lavoro? Fermati e ascolta.

Il silenzio è il segnale che devi monitorare, per capire se stai procedendo per la strada giusta.

APPROFONDISCI
Testo del link
AJP 21 Maggio 2020
L’evoluzione del Jiu-Jitsu sportivo di Nicola Intreccio

AJPTour - nata con il nome di Associazione di Jiu-Jitsu Professionistico e successivamente divenuta Abu Dhabi Jiu-Jitu Pro dal nome della città fondatrice e finanziatrice del progetto – è l'organizzazione internazionale che si occupa del Jiu-Jitsu professionistico nel mondo.

APPROFONDISCI

Condividi il tuo approfondimento

Vuoi condividere anche tu un articolo per tutta la community del Jiu Jitsu italiano.
Contattaci per raccontarci anche il tuo punto di vista con un articolo da inserire tra le nostre pagine, saremo felici di farlo.

contattaci

FOR A BEST EXPERIENCE
PLEASE TURN YOUR DEVICE