“ Tu vuoi essere un PROFESSIONISTA o un INSTAGRAMMER?”

7 consigli per non essere un partecipante

4 Marzo 2022
"Tutti sono duri. Se non fossi duro non saresti qui. Tutti possono essere duri, non tutti possono essere intelligenti". Cit.

Ho selezionato, 7 consigli, appresi e rielaborati in questi quasi tre anni di blogger degli sport da combattimento.

“ Tu vuoi essere un PROFESSIONISTA o un INSTAGRAMMER?”

  • Marco Sberla
  • 4 Marzo 2022

Avere un piano intelligente e scientifico dietro l'allenamento, unita ad una programmazione efficace, non solo porteranno il tuo gioco al livello successivo, ma lo manterranno nel tempo:

 

 

 

 1. Coerenza

"Senza coerenza non ci sono campioni". Una citazione che ho capito, soprattutto osservando. Il fondamento di qualsiasi carriera sportiva di successo. 

È difficile trovare un campione in qualsiasi sport che non sia coerente-

 


Abitudini di allenamento coerenti, amicizie, specialmente fuori dall’area di gara. Fai in modo che il tuo fight camp  possa concentrarsi solo sulla preparazione, non sul tornare in forma.  Abitudini alimentari coerenti per migliorare la composizione corporea tutto l'anno, oltre a rendere il taglio del peso una prova molto più facile e gestibile.  

Coerenza nel tuo approccio per essere un professionista (cioè social media, interazione con i fan, parlare con gli sponsor, commerciabilità, media ecc.)

 


 2. Attenzione ai dettagli

Prestare attenzione a tutte le cose, non importa quanto apparentemente piccole. I piccoli dettagli si sommano. Attenzione ai dettagli significa che sei consapevole di tutto ciò che fai e del perché lo fai. Richiede un'enorme quantità di sforzo e diligenza. 

Significa prestare attenzione agli allenatori, alle istruzioni, ai consigli, alle tecniche, alle critiche, etc etc.  Allenarsi, richiede uno scopo e un'intenzione, "passare attraverso le emozioni" non è sufficiente.

Usa ogni warm up come un'opportunità per "padroneggiare un movimento". 

Ricorda i dettagli - scrivili, tieni un diario, usa un memo o un'applicazione vocale, rivedi le sessioni.

 


 3. Autodisciplina

Nessuno può fare il lavoro al posto tuo. 

Puoi avere il miglior planning, gli allenatori e la squadra migliore del mondo, ma se non c'è una mentalità altamente auto-motivante, dedicata e impegnata dietro  ogni azione giornaliera, allora il risultato potrebbe non essere mai raggiunto. "La disciplina entra in gioco quando la motivazione si esaurisce".

 


Le abitudini sembrano difficili da raggiungere, ma in realtà sono abbastanza facili da padroneggiare se praticate quotidianamente.

Inizia con piccoli passi e fai pratica con compiti facili, poi progredisci e sfida te stesso. Creare una routine mattutina di 10-15 minuti (includere qualche tipo di movimento, lettura, gioco e pianificazione) e appuntala su un calendario ogni giorno in cui viene completata fino a quando non è più necessario contare i giorni.

 


 4.Lavora a ritroso.
Lavora a ritroso. Cerca di capire cosa vuoi e quando lo vuoi e poi pianifica a ritroso. Quando pianifichi a ritroso e fai quindi reverse engineering, ti metti in una mentalità proattiva, che è la chiave della preparazione. "Datemi sei ore per tagliare un albero e passerò le prime quattro ad affilare l'ascia". (*avere un piano non significa non adattarsi.

Iniziare in grande, finire in piccolo.  Cioè 12 mesi da oggi > 6 mesi > 3 mesi > 2 settimane > domani. Ciò che si ottiene (di solito) è un progetto passo dopo passo di ciò che deve essere raggiunto e quando deve essere raggiunto. Poi qualsiasi pianificazione/programmazione aggiuntiva riempirà le lacune per assicurarti di andare dal punto A (domani) al punto B (12 mesi da ora) e raggiungere i tuoi obiettivi lungo la strada.

 


 5. Mentalità 

Una mentalità di crescita richiede uno sforzo costante di rimozione delle emozioni per valutare obiettivamente le prestazioni e le abitudini. 

Valutare e rivalutare. Rimuovere le emozioni dal processo di apprendimento per ascoltare, accettare e assumere efficacemente le critiche costruttive senza sentirsi attaccati o insultati. 

"Essere allenabile" è vitale.

Metti da parte il tuo ego. Imparate ad accettare i feedback e le critiche costruttive da tutto ciò che vi circonda - non tutti devono essere “CAMPIONI per darvi consigli e/o supporto.

 


 6. Adattabilità

"Adattati. Improvvisa. Superati. 

Pianificare è importante, è una parte essenziale del camp, ma la capacità di adattarsi è necessaria per la sopravvivenza. La capacità di adattare il proprio skillset a nuovi avversari è ormai la base di ogni programmazione.

"Imparare nuove abilità, aiuta a imparare nuove abilità".

Esponetevi regolarmente a nuovi fattori di stress e ad ambienti scomodi. Un grande mantra è "mettersi a proprio agio essendo scomodi". 

Usa questa metafora per sviluppare attributi sia mentali che fisici (un termine simile che ho sentito spesso è "agilità mentale") cose come il processo decisionale, il tempo di reazione, la coordinazione occhio-corpo, il gioco di gambe. Sviluppare queste abilità non deve limitarsi al solo lavoro in palestra. Trovate un nuovo hobby, pensate fuori dagli schemi, provate qualcosa completamente al di fuori del combattimento e delle arti marziali, sfidate tutti i diversi tipi di coordinazione. Conquistate le vostre paure.

 

 

 

 7. Cercare continuamente nuove sfide

Questo potrebbe essere il più importante. Cercate le sfide, sempre! Cercare nuove sfide aiuta a rafforzare qualità come la resilienza, la pazienza, la forza mentale e l'umiltà. Non solo essere competitivi contro gli ALTRI, ma essere competitivi con se stessi.

Trovare sfide ogni giorno. C'è sempre qualcosa che possiamo migliorare. Prendi l'abitudine di trovare nuove sfide il più spesso possibile, non solo ci aiuta a rimanere umili ma ci insegna molto su come possiamo affrontare le avversità e risolvere i problemi.  

 


Ho passato la maggior parte dell'ultimi tre anni con l’elite di questo settore. Essere un grande significa vincere nel tempo, farlo più di una volta, ripetere il successo sportivo.

Questo divide i professionisti dai partecipanti. Ho avuto la fortuna di ascoltare e imparare da alcuni dei migliori atleti e Coach della mia generazione, questi 7 consigli sono quelli che dividono i partecipanti dai campioni.

 


Vi lascio, con l’ultima citazione “ Tu vuoi essere un PROFESSIONISTA o un INSTAGRAMMER?”

 


GRAZIE

 

Lascia un Commento

Altri
Approfondimenti

Testo del link
BJJ 24 Maggio 2023
IL JIU-JITSU CONQUISTA ANCHE LA GAZZETTA DELLO SPORT Da attori e vip a ex sportivi e cantanti: ecco perché sta spopolando il Brazilian Jiu Jitsu

L' articolo ha fatto il giro di tutto il web e tutti siamo stati compiaciuti nel leggere che...

APPROFONDISCI
Testo del link
BJJ 16 Febbraio 2023
ON THE ROAD AGAIN Tutti (o quasi) i nostri appuntamenti da qui fino alla BJJ Summer Week 2023

Dopo un lungo periodo di pausa forzata, torniamo all'opera con nuove iniziative, ma con la stessa voglia di occuparci di Jiu Jitsu.

APPROFONDISCI
Testo del link
BJJ 25 Gennaio 2023
La più grande battaglia della mia vita A Marcelo Garcia viene diagnosticato un cancro allo stomaco

Marcelo Garcia, membro della Hall Of Fame dell'IBJJF e dell'ADCC e una delle persone più amate nello sport del Brazilian Jiu-Jitsu, è stato diagnosticato un cancro allo stomaco. Tutta la community del Jiu Jitsu fa il tifo per lui!

APPROFONDISCI
Testo del link
BJJ 18 Gennaio 2023
PERSONALIZZA IL TUO GI COME GLI AMERICANI Arriva anche in Italia la possibilità di personalizzare il tuo gi con i loghi che vuoi

Italian BJJ, da sempre all'avanguardia, promuove il servizio GI + PATCH per te o per tutta la tua scuola.

APPROFONDISCI
Testo del link
Strenght & Conditioning 12 Gennaio 2023
Strengh & Conditioning nel Jiu-Jitsu moderno 7 cose da considerare quando si programma una "scheda" per il BJJ

Nel mondo del fitness molti pensano che progettare un programma per un atleta sia semplice ma non è così scontato perché non si tratta solamente di scegliere diversi esercizi e scriverli su carta.
Tenendo conto che il Jiu-Jitsu è lo sport più professionistico, praticato da non professionisti, è importante specificare che se non sei un pro non dovresti sacrificare i tuoi allenamenti sul tatami per dare la precedenza alla preparazione.

Per professionista intendiamo una persona che nell'arco della giornata, deve pensare solo a come strutturare i suoi impegni agonistici, alternando: allenamenti sul tappeto, riposo e sala pesi.

APPROFONDISCI

Condividi il tuo approfondimento

Vuoi condividere anche tu un articolo per tutta la community del Jiu Jitsu italiano.
Contattaci per raccontarci anche il tuo punto di vista con un articolo da inserire tra le nostre pagine, saremo felici di farlo.

contattaci

FOR A BEST EXPERIENCE
PLEASE TURN YOUR DEVICE